salmone selvaggio evidenza
Chetogenica

Salmone selvaggio: è meglio di quello da allevamento?

salmone selvaggioIl salmone selvaggio è il salmone che viene pescato in natura, e che non proviene da allevamenti ittici.

Questo pesce grasso è ricco di acidi grassi Omega 3, che la maggior parte delle persone non assume a sufficienza.

Tuttavia, non tutto il salmone è uguale.

Ad oggi, la maggior parte del salmone in commercio non è pescato in natura, ma allevato negli allevamenti ittici.

Questo articolo esplora le differenze tra il salmone selvaggio e quello d'allevamento.

Il salmone selvaggio e quello di allevamento provengono da ambienti molto diversi

filetto di salmone selvaggio crudoIl salmone selvaggio viene catturato in ambienti naturali come oceani, fiumi e laghi.

Tuttavia, più della metà del salmone venduto in tutto il mondo proviene da allevamenti ittici. Questi utilizzano un processo noto come acquacoltura per allevare pesci destinati al consumo umano.

La produzione globale annuale di salmone d'allevamento è aumentata da 27.000 a più di 1 milione di tonnellate negli ultimi due decenni. 

Mentre i salmoni selvaggi si nutrono di altri organismi che si trovano nel loro ambiente naturale, ai salmoni d'allevamento viene dato un mangime elaborato, ad alto contenuto di grassi e proteine, al fine di produrre allevare più grandi. 

Il salmone selvaggio è ancora disponibile, ma le loro quantità globali si sono dimezzate in pochi decenni. 

Salmone selvaggio e salmone d’allevamento: differenze nutrizionali

salmone selvaggio o di allevamentoIl salmone d'allevamento è alimentato con mangimi processati, mentre il salmone selvaggio si nutre di vari invertebrati.

Per questo motivo, la composizione dei loro nutrienti è molto diversa.

Chiaramente, le differenze nutrizionali tra il salmone selvaggio e quello d'allevamento possono essere significative.

Il salmone d'allevamento è molto più grasso, contiene un po' più Omega 3, molto più Omega 6 e tre volte la quantità di grassi saturi. Ha anche il 46% di calorie in più – per lo più derivanti grasso.

Invece, il salmone selvaggio è più ricco di minerali, tra cui potassio, zinco e ferro.

Contenuto di grassi polinsaturi

I due principali grassi polinsaturi sono gli acidi grassi Omega 3 e Omega 6.

Questi acidi grassi sani svolgono ruoli importanti nel tuo corpo.

Sono chiamati acidi grassi essenziali, perché il corpo umano non li produce autonomamente e devono essere assunti tramite la dieta.

Tuttavia, è necessario trovare il giusto equilibrio tra questi due componenti essenziali.

La maggior parte delle persone oggi consuma troppi Omega 6, distorcendo il delicato equilibrio tra questi due acidi grassi.

Molti ricercatori ipotizzano che questo disequilibrio possa portare ad un aumento dell'infiammazione e che possa giocare un ruolo nelle moderne malattie croniche, come le malattie cardiache. 

Il salmone d'allevamento contiene tre volte il grasso totale del salmone selvatico, e gran parte di questi grassi sono acidi grassi Omega 6.

Per questo motivo, il rapporto tra Omega 3 e Omega 6 è circa tre volte più elevato nel salmone d'allevamento rispetto a quello selvatico.

Detto questo, il rapporto tra Omega 3 e Omega 6 del salmone d'allevamento (1:3) è comunque molto buono – è solo meno eccellente di quello del salmone selvatico (1:10).

Sia il salmone d'allevamento che il salmone selvaggio dovrebbero portare ad un grande miglioramento dell'apporto di Omega 3 per la maggior parte delle persone – ed è spesso raccomandato per questo scopo.

In uno studio di quattro settimane condotto su 19 persone, il consumo di salmone atlantico d'allevamento per due volte alla settimana, aveva aumentato i livelli ematici di Omega 3 DHA del 50%. 

Il salmone allevato può essere più ricco di contaminanti

salmone selvaggio contaminantiI pesci tendono a ingerire contaminanti potenzialmente nocivi dall'acqua in cui nuotano e dagli alimenti che mangiano. 

Alcuni studi pubblicati nel 2004 e 2005 hanno mostrato che il salmone d'allevamento aveva concentrazioni di contaminanti molto più alte del salmone selvaggio. 

Alcuni di questi contaminanti includono policlorobifenili (PCB), diossine e diversi pesticidi clorurati, tutti dannosi per la salute.

Uno studio pubblicato nel 2004 ha determinato che le concentrazioni di PCB nel salmone d'allevamento erano otto volte superiori a quelle del salmone selvatico, in media. 

Tuttavia, uno studio ha mostrato che i livelli di contaminanti comuni, come i PCB, nel salmone norvegese d'allevamento sono diminuiti significativamente dal 1999 al 2011. Questi cambiamenti riflettono livelli più bassi di PCB e altri contaminanti nell'alimentazione dei salmoni. 

Inoltre, in molti sostengono che i benefici del consumo di Omega 3 dal salmone superino i rischi per la salute dei contaminanti.

Mercurio e altri metalli in tracce

salmone selvaggio metalliLe ricerche attuali sulle tracce di metalli nel salmone sono contrastanti.

Alcuni studi hanno osservato pochissime differenze nei livelli di mercurio tra il salmone selvaggio e quello d'allevamento. 

Tuttavia, un altro studio ha determinato che il salmone selvaggio ne ha livelli tre volte superiori. 

Sembrerebbe che i livelli di arsenico siano più alti nel salmone d'allevamento, ma i livelli di cobalto, rame e cadmio sono più alti nel salmone selvaggio. 

In ogni caso, in entrambe le varietà di salmone, le tracce di metalli sono presenti in quantità così basse che è improbabile che siano motivo di preoccupazione.

Antibiotici nel pesce d'allevamento

A causa dell'alta densità di pesci in acquacoltura, il pesce d'allevamento è generalmente più suscettibile alle infezioni e alle malattie rispetto al pesce selvaggio. Per contrastare questo problema, gli antibiotici vengono spesso aggiunti al mangime dei pesci.

L'uso non regolamentato e irresponsabile degli antibiotici è un problema nell'industria dell'acquacoltura, specialmente nei paesi in via di sviluppo.

Non solo l'uso di antibiotici è un problema ambientale, ma è anche una preoccupazione per la salute dei consumatori. Tracce di antibiotici possono causare reazioni allergiche in individui suscettibili. 

L'uso eccessivo di antibiotici nell'acquacoltura promuove anche la resistenza agli antibiotici nei batteri dei pesci, aumentando il rischio di resistenza nei batteri dell'intestino umano attraverso il trasferimento genico. 

Detto questo, molti dei maggiori produttori mondiali di salmone, come la Norvegia e il Canada, sono dotati di quadri normativi efficaci. L'uso di antibiotici è strettamente regolamentato e i livelli di antibiotici nel salmone devono essere al di sotto dei limiti di sicurezza.

Il salmone selvaggio vale il costo extra?

È importante tenere a mente che il salmone d'allevamento è ancora un alimento sano.

Il salmone selvaggio è sicuramente più costoso di quello d'allevamento e per alcune persone potrebbe non valere il costo extra.

Tuttavia, a causa delle differenze ambientali e dietetiche, il salmone d'allevamento contiene molti più contaminanti potenzialmente dannosi, rispetto al salmone selvatico.

Sebbene questi contaminanti sembrino essere sicuri per chi ne consuma quantità moderate, alcuni esperti raccomandano che i bambini e le donne incinte mangino solo salmone selvaggio.

Conclusione

salmone selvaggio conclusioneÈ una buona idea mangiare pesce grasso come il salmone 1 o 2 volte a settimana.

Il salmone è buono, ricco di nutrienti e altamente saziante (e quindi può essere un alleato della perdita di peso).

La più grande preoccupazione per il salmone d'allevamento sono gli inquinanti organici come i PCB. Se cercate di ridurre al minimo l'assunzione di tossine, dovreste evitare di mangiare salmone troppo frequentemente. In ogni caso, comunque prediligi il salmone selvaggio.

Anche gli antibiotici nel salmone d'allevamento possono costituire un problema, perché possono aumentare il rischio di antibiotico-resistenza nell'intestino.

Tuttavia, data la sua alta quantità di acidi grassi essenziali, proteine di qualità e nutrienti benefici, qualsiasi tipo di salmone è da considerarsi un alimento sano.

Tuttavia, il salmone selvaggio è generalmente considerato un miglior investimento per la salute.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *