voglie alimentari
Mindset

Voglie alimentari: come gestirle e superarle

voglie alimentariUna delle domande che mi viene posta più spesso è “Come faccio a superare le mie voglie alimentari?”

La prima cosa da capire, è che avere una voglia non è la stessa cosa che avere fame.

Se il tuo stomaco brontola, ti senti poco energico e l’idea di mangiare qualsiasi cibo è allettante, allora stai sperimentando la vera fame.

Prova a fare il test dei broccoli.

Se l’idea dei broccoli non ti sembra allettante, allora probabilmente stai solo provando una voglia alimentare (e, per tua informazione, ci possono essere delle ragioni nutrizionali legittime dietro le tue specifiche voglie!).

Il problema è che le voglie alimentari possono dirottare rapidamente le tue buone intenzioni di mangiare bene. Possono vincere sulla tua parte razionale con pensieri come “Me lo merito!“, “È stata una giornata difficile!” o “Si vive una volta sola!

Prima di tutto, sappi che le voglie alimentari capitano a tutti, sono normali e non sono qualcosa da condannare.

Non stai necessariamente fallendo nei tuoi obiettivi verso una sana alimentazione, solo perché hai voglia di pizza.

Tuttavia, esistono alcuni modi che funzionano per aiutarti a rimanere in pista quando i pensieri del tipo “Ho bisogno di una ciambella” si insinuano nella tua testa, e altri che non funzionano.

La strategia che non funziona per superare le voglie alimentari

voglie alimentariIl più frequente, e probabilmente il più popolare, modo per cercare di non cedere alla propria voglia alimentare? Quello di fare di tutto per cercare di non pensare al cibo che si desidera. 

Il problema di questa strategia è che probabilmente non funziona quasi mai.

Facciamo un gioco.

Ha una sola regola: non pensare agli orsi polari bianchi. Puoi pensare a tutto tranne che agli orsi polari bianchi. Pronto? Chiudi gli occhi e fai un respiro profondo. Ora allontana dalla testa qualsiasi pensiero sugli orsi polari bianchi.

A questo gioco perdono tutti.

Cerca di evitare di pensare a qualcosa, e quel qualcosa ti verrà in mente costantemente.

Infatti, ogni volta che cerchi di non pensare a qualcosa – che si tratti di biscotti o di orsi polari bianchi – ti verrà in mente. I tentativi di reprimere il pensiero si trasformano in una fissazione. 

Anche per le voglie alimentari funziona così ed proprio per questo che le diete restrittive non funzionano.

Alla fine, probabilmente cederai perché non sopporterai più il tuo dialogo interno.

Devo mangiarlo?

Non dovrei mangiarlo!

Lavoro così tanto!

Me lo merito!

E a quel punto sai che se ti arrendi (e mangi quella cosa che è oggetto della tua voglia alimentare) non dovrai più ascoltare il rumore nella tua testa.

La strategia che funziona meglio: distraiti!

voglie alimentariTi capita mai di essere così occupato da dimenticarti di mangiare, di andare in bagno, di bere acqua?

Ovviamente questo non è un bello scenario, ma c’è un motivo per cui succede.

Quando ci si immerge totalmente in qualcosa, non si lascia spazio ad altri pensieri, men che meno alle voglie alimentari.

Qual è il modo migliore per distrarsi?

Le strategie possono essere molte:

  • prova a risolvere dei rompicapo;
  • fai qualcosa di coinvolgente;
  • scrivi un messaggio ad un amico;
  • leggi un libro; 
  • pratica per 10 minuti la meditazione;
  • guarda un episodio della tua serie preferita;
  • esci fuori.

La chiave è decidere con cosa ti dovrai distrarre, prima che si manifestino le tue voglie alimentari.

Questa strategia affronta il sintomo della voglia alimentare e funziona, ma non è efficace quanto arrivare alla causa alla radice.

La strategia migliore: riconosci e previeni la voglia alimentare

voglie alimentariUn’alternativa di gran lunga  migliore è quella di capire il motivo per cui ti vengono le voglie alimentari.

Invece di chiederti: “Come faccio a superare questa voglia alimentare?”, chiediti: “Perché ho questa voglia di cibo?

Affrontare la causa alla radice è fondamentale per raggiungere una perdita di peso sostenibile.

Altrimenti sarebbe come bere caffè perché non si ha energia, piuttosto che affrontare il motivo per cui non si ha energia (dormi solo poche ore a notte, sei particolarmente ansioso, …) La causa del tuo deficit energetico deve essere affrontata e compresa. Se affronti la causa di fondo, avrai molte più possibilità di far durare nel tempo il cambiamento che vuoi.

Dopotutto, probabilmente sai già cosa devi fare per perdere peso: che si tratti di mangiare più verdura, di stare lontano dai cibi processati e addizionati o di fare attività fisica.

La vera domanda allora è: perché non ci riesci?

Per rispondere a questa domanda occorre andare a fondo.

Sei stressato, frustrato, sopraffatto, annoiato, o hai semplicemente bisogno di una rapida fuga da qualsiasi cosa tu stia facendo?

Le voglie alimentari sono un segnale

voglie alimentariQuando hai una voglia alimentare travolgente, spesso è perché qualcosa nella tua vita ti sembra travolgente, in senso positivo o in senso negativo.

In definitiva, le voglie alimentari sono un segnale.

Il segnale che qualcosa ti infastidisce. Il segnale che sei emotivamente carico nei confronti di qualcosa.

Come nel caso della fame nervosa, la chiave per superare le voglie è capire cosa vuoi veramente.

Questo non significa che ogni desiderio di cibo sia carico di emozioni e non significa che non ci si possa godere quella ciambella, la pizza o il burro di arachidi. A volte, si desidera qualcosa solo perché lo si trova delizioso – e questo va bene!

Sentiti libero di gustare il tuo cibo preferito. L’idea deve essere quella di gustarlo davvero, invece di sentirti male.

La prossima volta che hai una voglia alimentare, chiedi a te stesso:

C’è qualcosa che mi preoccupa?

Cosa posso fare?

E perché non faccio niente?

Queste domande possono aiutarti ad arrivare alla fonte di ciò che ti preoccupa.

Quando invece mangi emotivamente stai scegliendo di essere impotente, perché stai entrando in una sorta di trance alimentare.

La tua mente finalmente si spegne.

Tuttavia, nel momento stesso in cui hai finito di mangiare la tua seconda fetta di torta, la gratificazione svanisce, e ti ritrovi a sentirti in colpa e a rimpiangere di non aver seguito le tue intenzioni.

Invece, se scegli di essere in controllo e di occuparti di ciò che potenzialmente ti dà fastidio, sarà per te una vittoria!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *